Batterie VTC passano a Murata

  Tempo di lettura stimato: 3 min. circa

Il mercato delle batterie cilindriche al litio (18650, 20700, 21700 etc) non ha nulla a che vedere con la sigaretta elettronica, come vi abbiamo accennato in un precedente articolo.

E' molto conveniente per noi vaper però utilizzare le celle di alta qualità e performance prodotte da colossi come LG Chem, Samsung SDI, Panasonic e precedentemente, Sony Konion. Queste batterie sono nate molto prima (1991 nel caso di Sony) delle box mod che le utilizzano.
Computer portatili, elettroutensili a batteria, torce, e più recentemente auto elettriche ed aspirapolvere sono le principali applicazioni delle batterie litio cilindriche.

Nel 2016 (noi supponiamo per via della lenta diminuzione di vendite del reparto computer portatili o "laptop" da parte di Sony), tutta la tecnologia e il know how Sony relativo a questo business sono stati venduti in blocco a Murata Manufacturing, colosso nipponico della produzione di batterie litio, che tra le altre cose può vantare di essere uno dei principali fornitori di Apple. Murata si disse anche disposta ad assumere tutto il personale (8500 lavoratori nipponici) per traferirli a lavorare presso il loro stabilimento di produzione e i loro uffici commerciali e di progettazione.

Dal 2017 la produzione delle famose batterie "VTC" è passata quindi alla Murata Manufacturing, mantenendo le stesse "ricette" di Sony.

Per quanto riguarda Vaporoso.it, stanno iniziando ad arrivare i primi stock di batterie Murata (terminati gli stock "Sony Konion" presso i magazzini), che abbiamo deciso di indicare come Sony (Murata) per chiarezza verso il consumatore, ma mantenendo "Sony" nel nome del prodotto.

Questa scelta è stata fatta per permettere anche al consumatore che non segue i macromercati nipponici di batterie al litio, di poter identificare il prodotto che sta cercando con maggiore semplicità.

Per evidenziare l'ottima qualità delle pile prodotte da Murata, abbiamo messo a confronto la VTC6 con le dirette concorrenti: Samsung 30Q e LG HG2.

Test di scarica e potenza con altre batterie equivalenti

Grafico di scarica a 20A

Test condotto con West Mountain Radio - CBA

Nel primo test abbiamo scaricato le batterie in modo continuo a ben 20 Ampere (una prova molto più gravosa quindi del tipico svapo, dove la batteria si riposa tra una boccata e l'altra). La lunghezza della linea indica la capacità della batteria, mentre l'altezza indica il voltaggio che la batteria riesce a offrire durante lo sforzo.

Nessuna delle tre batterie si è surriscaldata eccessivamente durante il durissimo test, a testimoniarne la sicurezza di utilizzo.

Dal grafico possiamo notare come le batterie Murata offrano una durata leggermente maggiore rispetto alle concorrenti, e allo stesso tempo mantengano un voltaggio più alto rispetto alla 30Q e alla HG2.

Grafico della potenza

Test condotto con West Mountain Radio - CBA

Nel secondo grafico viene richiesta alla batteria una corrente crescente (prima 5 Ampere, poi 10A, 15A, 20A, 25A, e infine 30 Ampere). All'aumentare della richiesta, la batteria eroga una maggiore potenza. Anche in questo caso troviamo Murata in testa, anche se di una manciata di watt.

Le differenze tra le migliori batterie per sigaretta elettronica sono comunque quasi insignificanti, a testimoniare che siamo di fronte a prodotti di alta qualità.

Per eventuali delucidazioni, o argomenti non trattati sul ns. blog, potete sempre contattarci tramite il Centro assistenza.

Scopri tutte le batterie VTC Murata

 
Il tuo feedback ci aiuta a migliorare i nostri servizi, è semplice e veloce (basta un click)

Altri articoli sulle batterie al litio: